BANNER SCRITTA
BANNER OCCHI
TASTO HOME
FASCIA ARANCIONE
BIANCO HOME


FASCIA ARANCIONE
TASTO BASE ROSSO

04-01-2013 MACHALA ECUADOR

Visto che su Internet ci sono pochissime informazioni attinenti alla frontiera Peruviana e Ecuadoregna per via Aguas Verdes e Huaquillas, vorrei dedicare il mio tempo per riprendere alcuni aspetti importanti.
Da Tumbes ci sono due opzioni, se si hanno soldi da buttare, o i soldi non sono importanti per le vostre tasche, potete direttamente andare all’ agenzia Cifa presente a Tumbes e con 25$ non avete l’ obbligo di fare l’ uscita dal Perù e L’ ingresso in Ecuador, perche l’ autobus stesso si ferma all’ ufficio emigrazioni e fa tutto allo stesso momento, uscita dal Perù, ingresso in Ecuador, se nell’ ufficio emigrazioni Peruviano c‘è molta gente, andrà direttamente in quello Ecuadoregno, e li stesso fa uscita e entrata al nuovo paese, ma ovviamente l’ agenzia Cifa si porta via la bellezza di 25$.

Col Mio sistema, lo ripeto:
Da Tumbes con 2 soles 0,60€ ho preso una van sino all’ ufficio emigrazioni che dista da Aguas Verdes 2km, quindi dovete avvisare l’ autista di lasciarvi all’ ufficio emigrazioni.
Aguas Verdes da Tumbes dista circa 25km.

All’ ufficio emigrazioni perderete massimo 5 minuti, per eseguire l’ uscita dal Perù.
Con un moto taxi sempre in circolo nella zona, costo 1sol 0,30€ vi fate portare al ponte che divide i due paesi, perchè loro oltre non possono andare, perchèl lavoro è destinato agli Ecuadoregni.

Subito dopo il ponte, troverete i taxi dell’ impresa Ecuadoregna che per  5$ andata e ritorno vi accompagnano all’ ufficio emigrazioni Ecuadoregno, che dista dalla città  di Huaquillas non meno di 5km, il taxista stesso aspetterà  che l’ ufficio emigrazioni Ecuadoregno faccia l’ ingresso al nuovo paese e vi riaccompagna all’ agenzia Cifa per prendere l’ autobus per la vostra destinazione.

L’ autobus per Machala costa 2,50$, mentre quello per Guayaquil altra destinazione Euadoregna tra i 5-6$.
Col mio sistema avete risparmiato più della metà , di quello che la Cifa chiede partendo da Tumbes.
A voi la scelta, intanto posto la mappa della frontiera, ricordando sempre nonostante non ho subito nessun assalto, di tenere gli occhi e le orecchie aperte, perche le città  di frontiera, essendo molto trafficate hanno sempre qualcosa che potrebbe essere spiacevole.

FRONTIERA-PERU-ECUADOR piccola

“Frontiera Perù Aguas Verdes - frontiera Ecuador Huaquillas”

Sono in autobus destinazione Machala, non ho trovato nulla a riguardo, tutti si dirigono a Guayaquil, io invece che sono anticonformista “ chi mi conosce direbbe Tortu che ulicrale ” ho deciso di andare a Machala per vedere cosa offre questa città  di circa 200 mila abitanti.
La strada è abbastanza in buono stato, la vegetazione che la fa da padrone sono ettati ed ettari di Bananere , ossia piantagioni di banane, infatti la zona di Machala è quella che esporta più banane in tutto il mondo.

Dopo circa due ore di viaggio arrivo in Città , la fermata dell’ agenzia Cifa è a due quadre dalla piazza principale, in pieno centro.
La temperatura è abbastanza cuocente, carico lo zaino in spalla e chiedendo informazioni  vado alla ricerca di un alloggio.
Non sono tanto economici per le mie povere tasche e quindi faccio fatica a trovarne uno, mi avevano anticipato che l’ Ecuador rispetto al Perù era un pochino più caro infatti noto subito la differenza ,ma senza fretta trovo a due quadre dalla piazza un Hotel con stanza da letto matrimoniale, bagno, tv, ventilatore e wi-fi per 12$ a notte, potevo barattare un pochino, ma visto che devo ancora capire come funziona nel nuovo paese, ho preferito chiudere con la prima proposta.
Avrete notato il prezzo 12$, qui in Ecuador la moneta locale è il dollaro americano, una volta ogni tanto l’ euro serve a qualcosa, essendo più forte rispetto al dollaro, mi risulta abbastanza conveniente.
In Ecuador scriverò anche gli indirizzi degli hotel, visto che su questo paese si trovano 00 informazioni.
Sono alloggiato nell’
Hotel Mosquera
Via Olmedo entre Guayas y Ayacucho Tel 2931752
Machala .

Le persone sono abbastanza gentili, ma non tutti sono bravi a dare informazioni, pare che non conoscano la destra dalla sinistra, infatti non la nominano mai, vai la, poi la, gira la e via dicendo, quindi potete immaginarvi..
A Machala, di interessante non c‘è tantissimo,  la vita si accerchia sulla piazza principale che è curata e pulita, il mercato che è vicinissimo al mio alloggio e sul Malecon il lungo mare del porto di Machala, raggiungibile con un autobus cittadino a soli 0,25€
Sono al porto Bolivar che passeggio e guardo l’ oceano Pacifico, che dalle dimensioni tanto pacifico non è!!
La via del porto, dove tutti passeggiano offre vari ristoranti e bar, dove poter degustare i piatti tipici di pesce, oltre questo c’è il servizio offerto da una sola impresa che con soli 3$ andata e ritorno si può andare all’ isola di Jameli, un isoletta dove tutti gli abitanti di Machala, nei periodi di ferie e nei fine settimana vanno a fare il bagno.
Visto che sono qui e la barca sta per partire, ne approfitto per conoscere Jameli, dista a circa 20 minuti di navigazione, è vicinissimo.
A Jameli c’è  solamente una lunga spiaggia, abbastanza in disordine, si dico in disordine perchè hanno costruito case, ristoranti, alloggi, proprio sulla spiaggia, e non tanto tempo fa un innalzamento del mare ha distrutto parecchie abitazioni e il tutto non è stato ripristinato, questà è stata la furia della natura che ha voluto riprendersi i propri spazi..
Qui a Jameli, faccio combriccola con un Peruviano e una ragazza Spagnola e con loro passo la giornata degustando Cocktail di frutta con rum, oltre a non metter da parte la visita del museo del mare, gestito  da un signore di 70anni che ha dedicato la sua vita a collezionare, tutto ciò che la natura marina poteva offrire.
Uso Machala come base e con l’ agenzia Tac per 6$ andata e rientro decido di andare a conoscere Zaruma, una città  a 100km da Machala, si trova a 1200mt di altitudine contro i 4mt di Machala, qui a Zaruma, c‘ è un piccolo centro storico, con qualche casa coloniale fatta in legno, niente di entusiasmante, ma visto che sulle cose attrattive proposte nelle guide Ecuadoregne ero convinto di trovare un qualcosa di straordinario e curato, ma niente di tutto ciò..

00-ZARUMA
03-ZARUMA
01-ZARUMA

Qui a Zaruma ne ho approfittato per conoscer e la Miniera d‘ oro El Sexmo non più in uso, ma nei suoi 500 anni di attività hanno estratto la pepita d’ oro più grande mai trovata prima d’ ora in Ecuador del peso di 3,5 libre, circa 1.6kg regalata successivamente al Re di Spagna, che dopo il gesto ammirevole dei minatori di Zaruma, ha pensato fosse giusto ridurre l’ imposta che da quinto real è passata a la sesta parte.
Faccio rientro a Machala, nonostante Zaruma disti solamente 100km, l’ autobus tra una fermata e l’ altra ha impiegato circa tre ore.

Decido che la mia permanenza a Machala è terminata, l’ idea è quella di iniziare a salire, infatti decido di partire per Cuenca, che sta a circa 2500mt di altitudine.
Chiedo al proprietario dell’ hotel quale compagnia va a Cuenca, e mi viene consigliata la Compagnia Rutas Orenses, preparo lo zaino e di buona lena fisica mi dirigo alla fermata.
Chiedo un pò, e pian piano mi avvicino all’ agenzia, le informazioni non sono delle più chiare infatti arrivo alla fermata della compagnia, ma li stesso mi dicono che l’ autobus diretto a Cuenca parte da un altra fermata, è  in un’ altra via, sicuramente ho incontrato l’ idiota di Machala, perchè non riesce nemmeno a dirmi dov’è, non ho tanto tempo da perdere, gli giro le spalle e chiedo a una signora che mi dice addirittura di prendermi un taxi, bè penso forse i taxi qui sono gratuiti, per questo tutti consigliano di prendere un taxi, fortunatamente si avvicina un ragazzo della compagnia, che nota la discussione e mi indica dove si trova la fermata per Cuenca.
La fermata si trova solamente dietro la via, cioè massimo 100mt, un idiota non sapeva come dirmelo, una addirittura mi dice di prendere un taxi..
Deo mi naro, si no ischisi ub’ est, ista a sa muda, itt’ andas a narrere cazzadasa!!!
Be queste cose mi irritano, non lo concepisco, prendo un taxi per 100mt, magari mi spudda due dollari, il tanto che pago per un pranzo..
Mancu fipp’ istau isantalau!!!
Fanculo a loro, arrivo alla fermata l’ autobus stava per partire, che fortuna, acquisto il biglietto, 6 dollari e in 4 ore dovrei arrivare a Cuenca.
Pian piano si sale, Machala sta a 4mt sul livello del mare, mentre Cuenca è una città  che sta nella cordigliera andina, quindi si sale sino a 2500mt.

Segue diario Cuenca

Torna al diario Tumbes frontiera Perù - Ecuador