BANNER SCRITTA
BANNER OCCHI
TASTO HOME
FASCIA ARANCIONE
BIANCO HOME


FASCIA ARANCIONE
TASTO BASE ROSSO

07-10-2012 PARTENZA DA IQUITOS A YURIMAGUAS 

Dall’ ostello, con un moto taxi scappo verso il Porto, con due ore di anticipo, salto sulla barca e monto l’ amaca in un posticino tranquillo, in modo che nessuno si attacchi troppo.
Ora vorrei fare concorrenza a Paolo Coelho, iniziando con la presentazione della Eduardo II, la barca che mi porterà  a Yurimaguas, è simile all‘ Amerigo Vespucci, è quasi uguale, a volte penso proprio sia lei, potete immaginare, la Eduardo II è stile rimorchiatore, tutta in ferro,,, con il becco ampio da farci stare tanta merce, infatti con noi viaggia una terna, e diverse casse di frutta, nello stesso livello, viaggiano, moto carri e ciclomotori.
Andiamo al piano superiore, mica finisce qua, questa è roba seria a dir poco, nel piano superiore raggiungibile da una rampa di scale con inclinazione pari al 95% che se si fa lo sbagli di scivolare, il pronto intervento ha poco da fare, c‘èun baretto, stile    2 X 2 e l’ immensa sala di gala, dove tutti noi, abbiamo montato la nostra comodissima e confortevole amaca e al calar del sole iniziano le danze ” de linna ”.
La cucina, è circa 3,5 x 2,5, pochi fornelloni, qualche padellone e il menu che arriva dai migliori ristornati Italiani, tramite un pappagallo che trae la pergamena con il menù del giorno.
Non ci sono posate, e si mangia in amaca o in terra, più hippy, con questo, consiglio a chi volesse fare la stessa tratta, di portare un contenitore in plastica con coperchio, qui chiamano “ tapper ” e le posate in ferro vanno bene, chi può le porti in argento.
Il menù varia dalla colazione alla cena: colazione una pappa di banane aromatizzata con chiodi di garofano, il pranzo, 4 cucchiai di riso in bianco, con mezza banana bollita, è un tipo di banana che ha lo stesso sapore di patata dolce, un pezzetto di pollo 3cm x 3cm quasi invisibile e a volte si alterna con un cucchiaio di fagioli, oppure un cucchiaio di verdure lesse, la cena è praticamente uguale al pranzo, così per i tre giorni di navigazione.
I pasti vengono avvertiti tramite una sirena, e tutti in fila indiana , con il proprio vassoio.
aspettiamo il nostro turno.
I polli sono vivi nel piano inferiore, vengono ammazzati in barca e tutti subiscono il trattamento di essere spiumati, selezionati e cotti, in 3 giorni mi sono fatto una cultura sul pollo, spero di non vederne più per i prossimi 10 anni.

VERSO-YURIMAGUAS-00

Poi vado presentandovi i miei vicini di alloggio.
C’è Mortisia con la figlia di circa 8 anni, che ha dei problemi, fa ancora la pipì nel vasino, ogni tanto la si vede a culo nudo fare pipì, la cosa simpatica è; quando deve buttare la pipì nel fiume cerca sempre la parte sbagliata quella a favore di corrente, quindi la metà  della pipì gli va addosso o spesso e volentieri la scalcia e finisce nel pavimento, poi c’è Marietta, la mia vicina di amaca, che spesso gli rompo le bals per passare il tempo, poi c’è Mano, si una ragazza con 4 figli piccoli, la chiamo Mano perchè ha sempre le mani sopra la testa dei figli, cercando chissà  cosa, forse pidocchi, ma non l’ ho ancora capito.
Poi c’è Lerch un omone di 1,90mt che ogni giorno si taglia le unghie e ne lascia un kg nel pavimento, sembra quasi l‘ uomo lupo tanto è veloce la ricrescita.
Infine ci sono io lo zio Fester, che dirige la famiglia Addams.
Al momento dei pasti noto, che Mano, ha solamente un recipiente ovviamente con una sola porzione di cibo per tutti e 5, già è misera per una sola persona, immaginatevi per 5, li intuisco che i bambini non pagano e non avendo biglietto non hanno diritto al pasto, quindi la maggior parte dei miei pasti glieli cedo a lei, tanto io ho acquistato qualcosa al mercato frutta e altro e cosi faccio un opera di beneficenza, gli altri notano il mio gesto fanno altrettanto, dopo tanto se ne accorgono anche quelli della cucina e per non fare brutta figura le fanno avere un pasto in più.
I tre giorni di navigazione passano abbastanza in fretta, l’ unico passatempo è fare delle foto, tentare di comunicare con qualcuno, riesco egregiamente e riesco a procurare delle dritte importanti, guardare l’ orizzonte nell’ attesa che si veda Yurimaguas.
Questo ultimo tratto di Rio Amazonas, rispetto ai precedenti ha tantissime comunità, dove facciamo tappa, per far salire venditori di cibo, acqua e altra merce, sino al nostro arrivo a Yurimaguas.

VERSO-YURIMAGUAS-01

Prima di lasciare la barca, do in regalo la mia amaca e il mio recipiente con le posate a Mano, a me non servirà  più, con barche fiumi e altro per questo viaggio credo di aver finito, saluto i bambini e via a Plaza das Armas.
Si dico che quest’ anno ho finito con i fiumi, perchè sono da Belem Brasile che navigo per il Rio Amazonas, passando per Santarem, Manaus, Tabatinga, Iquitos e l’ ultima tappa Yurimaguas, da questa città  che è solamente di passaggio proseguirò il mio viaggio in autobus, proseguendo per il nord Perù e arrivare alla frontiera con l’ Ecuador.

Mappa del Rio Amazonas da Santa Rosa Perù a Yurimaguas Perù passando per Iquitos.

00-DA-IQUITO-A-YURIMAGUAS piccola

Segue diario Yurimaguas

Torna al diario Iquitos capitale dell’ Amazzonia